mercoledì 18 ottobre 2017

Giarre, si prepara la prima fiera dell'innovazione didattica

La Confcommercio di Giarre ha incontrato, nella sala Romeo, le scuole e le associazioni del territorio per mettere a punto un progetto ambizioso, denominato “Dalla cattedra all’aula”, 1ͣ fiera dell’innovazione didattica del comprensorio jonico etneo”.
Si tratta di un evento che si terrà agli inizi di dicembre, organizzato dalla stessa associazione di categoria, dall’assessorato allo sport, turismo e cultura, retto da Piero Mangano e dalla dirigente scolastica Mariangiola Garraffo.
«Intendiamo realizzare una fiera per presentare l’offerta formativa dell’hinterland», spiega il presidente di Confcommercio, Attilio Lo Po’. «Il rilancio di questo territorio – aggiunge- non poteva non partire dalla cultura e dalla formazione». «E’ un’occasione per riproporre la nostra città al centro del comprensorio – afferma l’assessore Mangano – e valorizzare le nostre eccellenze».
MGL
15 ottobre 2017

Giarre: gestione rifiuti, Dusty andrà via?


Giarre, appalto rifiuti, accordo lavoratori-Dusty, sentenza in favore della Senesi

Servizio rifiuti tra luci e ombre. Iniziamo con le buone notizie: sindacati e Dusty sembra che abbiano raggiunto un accordo. Lo rende noto Rosario Garozzo dell’Ugl: «L’azienda – dice - ha recepito una nostra proposta di dieci mesi fa che altre aziende operanti nel territorio avevano accolto. La proposta consiste in 36 ore lavorative mattutine settimanali e due ore settimanali pomeridiane durante le quali si può provvedere alla pulizia dopo il mercato settimanale e ad altri servizi».
Come si ricorderà, da alcune settimane era stata modificata l’organizzazione dell’orario di lavoro degli operatori di 38 ore settimanali. Erano state ridotte le ore mattutine per ottenere due rientri pomeridiani. Un nuovo orario che, però, ai lavoratori non è piaciuto. E la raccolta differenziata, appena all’inizio, ha cominciato a perdere colpi. A questo si devono aggiungere, negli ultimi giorni, anche ulteriori problemi nel conferimento dell’umido.
Ma poi ci sono le ombre. Non si sono fermate, infatti, le vicende giudiziarie. Il Consiglio di giustizia amministrativa, infatti, ha di recente emesso una sentenza di I grado che a favore della Senesi che tra qualche mese potrebbe subentrare alla Dusty.








Intricata la vicenda giudiziaria ancora in corso e che, con i tempi della giustizia italiana, potrebbe andare avanti per mesi. A grandi linee, e senza entrare nei tecnicismi, in un primo momento l’associazione temporanea d’impresa tra la Igm e Senesi era stata esclusa dalla gara e l’Urega aveva disposto l’aggiudicazione provvisoria a favore della Dusty. L’Ati Igm ha impugnato al Tar il provvedimento è l’impugnazione è stata accolta. La Dusty si è opposta. Adesso siamo arrivati a una sentenza del Cga di primo grado a favore della Senesi. Tra alcuni giorni la camera di consiglio dovrà decidere sulla sospensiva in attesa del giudizio sul merito che potrebbe arrivare tra sei-otto mesi.

Come spiegano dal Comune, non aveva senso, dopo che l’Urega aveva disposto l’aggiudicazione provvisoria della gara, non procedere con la stipula del contratto e andare avanti per parecchi mesi in proroga con la vecchia ditta. Di certo, l’incertezza del diritto che permea le vicende italiane non aiuta a dare stabilità ad un servizio delicato come quello dei rifiuti. Al momento bisogna attendere. Si può solo ipotizzare che questa incertezza potrebbe rallentare la realizzazione del Centro comunale di raccolta, che deve essere realizzato a spese della ditta aggiudicataria.
MGL
15 ottobre 2017

martedì 17 ottobre 2017

Giarre, volontaria di servizio civile nazionale all'Avis

L’Avis Giarre Riposto accoglie nella propria sede una volontaria in servizio civile nazionale. «Diamo il benvenuto a Lucia Di Bartolo che lavorerà per un anno, al nostro fianco», dichiara in un comunicato il presidente dell’associazione, Francesco Strano, insieme a Elisa Astuto, vice presidente della sezione e operatore locale di progetto. «Ogni anno – aggiunge Strano - la famiglia Avis può contare su ragazzi e ragazze che si mettono in gioco in una esperienza nuova ma dal grande valore formativo. Siamo orgogliosi di loro. Il lavoro all’Avis offre la possibilità concreta di toccare con mano l’esperienza della solidarietà». «Si tratta – aggiunge Elisa Astuto - di un’esperienza formativa che dimostra quanto e come il reciproco aiuto, la solidarietà siano valori determinanti nella crescita di un progetto come il nostro, che punta mettere in campo tutto quanto serve a diffondere la cultura della donazione».
15 ottobre 2017

GIARRE: MASSIMO D'ALEMA SU REGIONALI E LEGGE ELETTORALE TG DELLO JONIO 16 10 2017


Giarre, Consiglio comunale inizia a riconoscere una lunga serie di debiti fuori bilancio. Longo aderisce a #diventeràbellissima

Buone notizie per una serie di creditori del Comune di Giarre: il Consiglio comunale, giovedì, infatti, ha iniziato a riconoscere ed approvare una serie di debiti fuori bilancio che il Comune ha nei confronti di aziende e di privati cittadini. In tutto sono 117 i debiti che il Consiglio comunale dovrà riconoscere per un importo totale che si aggira intorno al milione e 400mila euro. La maggior parte dei debiti sono però di modesta entità. All’ordine del giorno di giovedì eranoprevisti circa una cinquantina di debiti, il Consiglio ne ha riconosciuti una ventina.
Tutto merito del presidente della III commissione consiliare “Bilancio e finanze” Francesco Cardillo che quando è venuto meno il numero legale ha continuato ininterrottamente a parlare per oltre un quarto d’ora per dare il tempo ad una consigliera di arrivare in aula, evitando così che la seduta venisse rinviata.
L’opposizione consiliare, infatti si era accorta che da sola la maggioranza non avrebbe tenuto il numero legale ed è uscita dall’aula. Se si fosse arrivati a votare, si sarebbe constatata l’assenza del numero legale e la seduta sarebbe stata rinviata. L’esperienza e l’abilità di Cardillo ha avuto la meglio. Lo stesso consigliere ha anche richiamato il Consiglio al senso di responsabilità, ricordando che ci sono cittadini che attendono da tanti anni un risarcimento o delle somme dal Comune. Un primo rinvio della seduta c’era già stato e non era il caso un secondo.
Come ha precisato lo stesso Cardillo, sino a qualche mese fa, l’ufficio predisponeva per il voto in aula un’unica proposta di delibera contenente tutti i debiti fuori bilancio che venivano approvati dal Civico consesso con un unico voto. Il Consiglio ha però preferito votare i debiti ad uno ad uno, per una maggiore consapevolezza di ciò che si stava votando, anche se questo “Comporta un maggiore dispendio di energia e di tempo”, ha rimarcato il consigliere.







In apertura di seduta il presidente del Consiglio comunale Francesco Longo hadichiarato di aderire al movimento “Diventerà bellissima” di Nello Musumeci e, di conseguenza, di creare in Consiglio il gruppo consiliare “Diventerà bellissima Giarre” che ha detto Longo “Mi auguro possa dare nuovo stimolo alla vita amministrativa comunale, anche grazie a nuove adesioni. Sfideremo la politica locale e chi ha responsabilità sui contenuti e sulle concrete prospettive di rinascita per la città”.
 MGL
14 ottobre 2017

sabato 14 ottobre 2017

San Giovanni Montebello, anniversario di sacerdozio e voti semplici "Cenacolo di Gerusalemme"

Grande festa mercoledì a San Giovanni Montebello per i 25 anni di sacerdozio del parroco don Angelo Pennisi e per la professione semplice della comunità Cenacolo di Gerusalemme di cui fa parte lo stesso don Angelo e tre neo consorelle: suor Angela, suor Nunzia e suor Rosanna. I voti semplici della piccola comunità, che ha sede ad Altarello, arrivano dopo un lungo percorso iniziato più di 20 anni fa. Mercoledì i “Cenacolini”, dinanzi al vescovo di Acireale Antonino Raspanti, hanno espresso i voti semplici di povertà, castità e ubbidienza; tra qualche anno seguiranno i voti perpetui. “Sarete consapevoli – ha detto mons. Raspanti – di quanto amore il Signore usa verso l’umanità e rispecchierete questo amore verso tutti”.
MGL
13 ottobre 2017

Giarre, presentata l'app del Comune

Presentata ieri in municipio l’app del Comune di Giarre che permetterà ai cittadini, attraverso smartphone e tablet, di potere essere aggiornati in tempo reale su tutte le attività comunali, ad esempio sui bandi, avere a disposizione tutti i numeri di telefono degli uffici, partecipare a sondaggi, inviare segnalazioni, ricevere la comunicazione di un’allerta meteo o l’aggiornamento dello spoglio delle schede alle elezioni. Chi dispone di uno smartphone potrà facilmente scaricare l’applicazione dallo store di Google. “Ogni cosa che si fa non è mai scontata – ha detto il sindaco Angelo D’Anna che detiene la delega all’innovazione tecnologica – non credo siano tanti i comuni della zona che usano tale strumento e siamo fieri di essere tra i primi”. Il servizio è fornito dalla ditta Cms labs, il Comune ha acquistato alcune app, per i prossimi anni il costo sarà di un paio di migliaia di euro l’anno.
MGL
13 ottobre 2017


Giarre, disposta seconda potatura o capitozzatura di alberi pericolanti

Il Comune di Giarre, su input del sindaco Angelo D’Anna, ha disposto la potatura o estirpazione di alberi pericolanti che si trovano in aree pubbliche. L’intervento ha uno scopo preventivo e mira ad evitare che in occasione di maltempo e di forti raffiche di vento gli stessi possano abbattersi. Molte piante che si trovano, infatti, in aree a verde pubbliche sono ormai vecchie o malate o, semplicemente, necessitano dell’ordinaria manutenzione che spesso, per anni, non è stata realizzata. Proprio qualche giorno fa, un albero, a causa del forte vento, è caduto sopra il tetto di un’abitazione, nel quartiere Satellite. Un albero che, manco a dirlo, figura nell’elenco di quindici piante pericolanti di cui il Comune ha disposto la rimozione.
Per questi lavori, nel mese di luglio, era stata prenotata una spesa di 12mila125 euro. I lavori sono stati affidati alla ditta Sicilverde Srl di Aci Sant’Antonio, impresa di fiducia del comune, che ha apportato un ribasso del 3,13%.
Quindici le piante pericolanti individuate e che, secondo l’ufficio tecnico comunale, necessitano o di una potatura o di tagli drastici, di fatto l’eliminazione totale; alcune saranno, infatti, capitozzate e ne resterà solo piccola parte del tronco.
Gli alberi individuati sono sparsi su tutto il territorio comunale: nella frazione di Miscarello è prevista la capitozzatura di due piante.
Un’altra pianta da capitozzare si trova nella villetta antistante il plesso scolastico di via Don Luigi Sturzo n.47 nella frazione di Peri.
Nel centro di Giarre è stata individuata un’ulteriore pianta da potare che si trova nella villetta Garibaldi; stavolta il problema è il danno che arreca ad un’abitazione privata.
Nella frazione di Santa Maria la Strada occorre, invece, eliminare le foglie secche delle palme nella piazzetta.
Un albero pino necessita di potatura nella villetta di piazza Immacolata, all’altezza della statua di San Pio. Anche in questo caso il problema di questo pino è il danno che può provocare ad un vicino condominio.
A San Leonardello sono stati individuati due alberi da potare nello spartitraffico che si trova all’incrocio tra le vie Madonna della Libertà e Mongibello.
In via Teatro ad angolo con via Tommaseo, c’è da potare una pianta di Jacaranda. Un’ulteriore pianta da potare si trova nell’area esterna di pertinenza del fabbricato dell’ex Pretura in corso Sicilia.
Infine, ben quattro piante di Eucaliptus da capitozzare si trovano nella villetta di pertinenza della scuola elementare San Giovanni Bosco in via Gravina.
E’ il secondo intervento di potatura e capitozzatura di alberi pericolanti disposto dalla giunta D’Anna, un primo era già stata effettuato l’anno scorso ma non non si era intervenuto su tutte le piante per mancanza di fondi.




Accanto alla potatura occorrerrà, prima o poi, anche intervenire con la piantumazione di nuove essenze arboree e rinnovare così il patrimonio arboreo cittadino.
MGL
12 ottobre 2017

venerdì 13 ottobre 2017

Giarre, scale del cimitero troppo pesanti


A Giarre per portare un fiore a un proprio caro defunto c’è chi deve prima andare in palestra ad allenarsi per bene. Si tratta dei parenti e amici dei defunti sepolti nei loculi a parete più alti. L’ironia amara sorge pensando alla fatica che i parenti di questi defunti devono fare Per raggiungere questi loculi, servendosi di scale che, secondo quanto riferiscono queste persone, hanno tutti i tipi di difetti: “Sono pesanti, non facilmente maneggiabili, non hanno le ruote, occorrono due persone per spostarne una”. Immaginate il disagio per i più anziani che restano da terra col naso in sù a guardare la tomba del loro caro a cui non riescono a portare un fiore.
Come tante cose che accadono nella nostra terra, anche questo è un problema che si porta avanti da anni e quella attuale è la terza amministrazione comunale a cui losottoponiamo.
L’assessore alle attività tecniche, Giuseppe D’Urso, si è impegnato a sollecitare la dirigente dell’ufficio tecnico comunale per tutti gli interventi riguardanti il cimitero: “Domani (oggi ndc) scriverò un atto di indirizzo, chiederò per iscritto cosa è stato fatto sinora anche per quanto riguarda la messa in sicurezza di alcune aree interne al cimitero inibite al pubblico. In vista dell’imminente commemorazione dei defunti chiederò anche all’ufficio come è stata organizzata la pulizia degli spazi, una parte della pulizia sarà, infatti, eseguita dalla Dusty mentre gli altri spazi dovranno essere curati dai nostri giardinieri.




Nel contempo, solleciterò l’ufficio affinchè il cimitero si attrezzi con delle scale in numero sufficiente e facilmente trasportabili per agevolare la visita dei parenti dei defunti collocati nei loculi più alti”.
MGL
12 ottobre 2017