lunedì 20 novembre 2017

I sapori dell'autunno al mercato del contadino di Giarre


Giarre, segretario comunale presidente comitato unico di garanzia pari opportunità

Con delibera di giunta è stato nominato il segretario comunale Salvatore Marco Puglisi nuovo presidente del Comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni. L’incarico è gratuito e le funzioni sono svolte durante l’orario di lavoro. Il comitato, tra i suoi compiti, si occupa di «assicurare, nell’ambito del lavoro pubblico, parità e pari opportunità di genere, rafforzando la tutela dei lavoratori e delle lavoratrici, garantendo l’assenza di qualunque forma di violenza morale o psicologica e di discriminazioni». Ancora, compito del comitato è «favorire l’ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico, migliorando l’efficienza delle prestazioni lavorative» e «razionalizzare e rendere efficiente ed efficace l’organizzazione della pubblica amministrazione anche in materia di pari opportunità, contrato alle discriminazione e benessere dei lavoratori e lavoratrici».
MGL
18 novembre 2017

sabato 18 novembre 2017

Giarre, mesi per rimuovere sfalci di potatura dentro il palazzo municipale

Nessun cittadino si senta trascurato dal Comune di Giarre, lo stesso edificio comunale spesso piomba nell’oblio. L’ultimo esempio sono gli sfalci derivanti dalla potatura degli alberi del giardinetto interno al palazzo di città. La potatura è stata effettuata la scorsa estate e gli sfalci erano rimasti nei vialetti del giardino. A settembre il consigliere comunale Armando Castorina ha iniziato a sollecitare gli uffici comptenti perché provvedessero alla rimozione di questi sfalci, per una questione di decoro dell’interno del palazzo. Ma a quel punto si è preferito attendere il 15 ottobre, data dopo la quale è possibile bruciare gli sfalci di giardino. Alla fine questi sfalci sono stati eliminati solo qualche giorno fa, a novembre quindi.
Se questi sono i tempi per completare un intervento di pulizia dentro il palazzo municipale cosa ci si può mai aspettare per gli interventi all’esterno delle mura comunali? A proposito, nel campo di atletica vi sono degli sfalci di potatura da rimuovere.
mgl
17 novembre 2017

GIARRE ALL'AMARI INCONTRO SULLA CATALOGNA


venerdì 17 novembre 2017

Giarre parcheggi potrebbe dover pagare al Comune 900mila euro di Tosap

E’ di 900mila euro l’importo della Tosap, tassa di occupazione del suolo pubblico, che il Comune ha chiesto di pagare alla Giarre Parcheggi per gli anni 2008-2011. La Giarre Parcheggi si è opposta, ne è nata una controversia giudiziaria e l’8 novembre in Commissione tributaria regionale si è tenuta la discussione del merito per l’appello che la ditta ha proposto contro una precedente sentenza sfavorevole. La sentenza definitiva è attesa tra qualche settimana. Se fosse favorevole al Comune l’Ente potrebbe esigere dalla ditta il pagamento di quanto dovuto.
Di questo e di altro si è parlato in una seduta della II commissione consiliare “Attività produttive”, presieduta da Rosy Finocchiaro, che ha incontrato l’assessore al bilancio e gli avvocati del pool legale del Comune che stanno seguendo i procedimenti giudiziari che vedono contrapposti il Comune e la Giarre parcheggi: l’avv. Rudy Grasso, che segue il procedimento relativo alla Tosap che la Giarre parcheggi dovrebbe pagare al Comune e l’avv. Katy Leonardi che segue quello relativo al pagamento della Tarsu.
La commissione ha effettuato una ricognizione dei procedimenti giudiziari in corso e in seguito incontrerà la dirigente comunale a cui competono le entrate. Oltre alle somme notevoli che il comune potrebbe incassare, un’eventuale sentenza favorevole potrebbe dare all’Ente la possibilità di rinegoziare il contratto delle strisce blu che si è rivelato negli anni molto oneroso sia per la durata che per il numero di stalli, oltre che odiato dai cittadini.







Poi c’è il capitolo Tarsu: per gli anni dal 2012 a oggi il Comune ha inviato gli avvisi bonari di pagamento, anche questi impugnati dalla Giarre parcheggi; il Comune sta resistendo, a differenza di quanto fatto per gli anni 2009-12 quando l’Ente non fece valere le proprie ragioni. 
MGL
16 novembre 2017

Giarre, da Confconsumatori per verificare corretta applicazione Tari

Confconsumatori vuole indagare per verificare se anche nei comuni del circondario sono stati effettuati illegittimi addebiti della Tari, la tassa sui rifiuti.  Il caso è scoppiato giorni fa in Italia a seguito di un’interrogazione parlamentare del M5S. La Tari, per la parte variabile, va applicata solo all’abitazione e non anche alle pertinenze, ma molti comuni italiani hanno applicato erroneamente la norma. A Giarre è possibile recarsi nella sede di Confconsumatori in via N. Tommaseo, n. 121, tel. 095-932573. «Nessun comune sinora ha dichiarato di non avere effettuato questa errata applicazione – spiega l’avv. Carmelo Calì, presidente di Confconsumatori Sicilia – figuriamoci se qualche comune ammetterà di averla effettuata. Invieremo una richiesta formale ai comuni tramite Pec chiedendo di comunicare come è stata calcolata la Tari e chiediamo ai cittadini di portare nella nostra sede le ricevute della tasse pagate, dal 2014 a oggi per capire come i comuni hanno effettuato il calcolo».
MGL
16 novembre 2017

giovedì 16 novembre 2017

Giarre, tante adesioni a Meglio parco che sporco

Cresce l’adesione dei giarresi alla manifestazione "Meglio parco che sporco", giunta alla quinta edizione, promossa e coordinata dal Parco dell’Etna per ripulire dai rifiuti numerose aree degradate dell’area protetta e lanciare a chi deturpa un forte messaggio di attenzione per la tutela e il decoro del territorio del parcoNovità di quest'anno è l’inserimento dell’iniziativa nella Settimana europea per la riduzione dei rifiuti.
I volontari del Wwf Sicilia nord-orientale, che ha sede a Giarre, sabato, a partire dalle ore 9, parteciperanno alla manifestazione insieme agli alunni del 2° istituto comprensivo di Giarre per ripulire l'area circostante le case Pietracannone dai rifiuti abbandonati dagli escursionisti incivili che frequentano la zona. 
“Meglio parco che sporco” sarà anche al centro di una seduta della V commissione consiliare “Lavori pubblici”, presieduta da Antonio Camarda che giovedì 16 alle 17,30 si riunirà per discutere dell’adesione del Comune alla manifestazione e di ulteriori iniziative nell’ambito della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti. Alle 18, la commissione incontrerà le associazioni ambientaliste.
MGL
15 novembre 2017

GIARRE FALSA ALLERTA METERO PER NON ANDARE A SCUOLA


mercoledì 15 novembre 2017

Giarre, stretta contro i volantinaggi disordinati

Una stretta contro i volantinaggi disordinati. E’ quanto intende fare la I commissione consiliare, competente in “Affari generali”, che sta lavorando ad un regolamento. «Stiamo esaminando una bozza che ho formulato attingendo da regolamenti di altri comuni – spiega la presidente Patrizia Caltabiano -. Il testo ora sarà  studiato dai consiglieri e poi ci confronteremo con il comandante della polizia municipale per valutare la verificabilità delle proposte. Chi vuole fare
un volantinaggio dovrà assumersi la responsabilità di distribuire i volantini in maniera ordinata, senza che siano buttati per strada, o messi sui parabrezza perché poi gli automobilisti, a loro volta, li buttano a terra. Stiamo valutando anche l’opportunità di far togliere le cassetta per la pubblicità che si trovano all’esterno dei condomini perché chi effettua il volantinaggio spesso ve ne lascia un centinaio che poi cadono a terra. C’è una cattiva gestione di questi volantini e senza sanzioni sinora non si è ottenuto nulla».
MGL
14 novembre 2017





martedì 14 novembre 2017

Giarre, 10 mesi per dare seguito ad un atto di indirizzo della giunta per vendere due capannoni

Lo scorso gennaio l’amministrazione comunale D’Anna aveva inviato agli uffici un atto di indirizzo al dirigente per l’emanazione di un bando per l’alienazione di alcuni capannoni della zona artigianale, il bando sarà pubblicato la prossima settimana o giù di lì. “Solo” dieci mesi di tempo per adempiere alle indicazioni della giunta che danno l’idea di come il tempo trascorra lentamente dentro il Comune di Giarre. Tempi sempre più incomprensibili ai cittadini, soprattutto oggi in cui tutto corre veloce.
In una delibera di giunta, di qualche giorno fa, sono stati individuati i beni da alienare e valorizzare e figurano 15 capannoni, ma quelli da vendere dovrebbero essere un paio.





Tutti questi mesi il bando già predisposto dall’ufficio competente è rimasto fermo su qualche scrivania. Il bando era stato predisposto a marzo secondo la formula “Rent to buy”,  una metodologia di compravendita immobiliare finalizzata a consentire l'acquisto di un bene immobile, di qualsiasi tipologia, con una modalità graduale, flessibile ed economicamente più vantaggiosa rispetto all'acquisto con il metodo tradizionale. Poi, dopo mesi, era stata la Centrale unica di committenza (Cuc) ad essere investita di questo bando. A ottobre, la Cuc ha risposto che questo tipo di bando non era di sua competenza e adesso l’ufficio finanziario sta provvedendo alla pubblicazione.
Peraltro ci sono anche imprenditori interessati a partecipare alla gara e da mesi stanno aspettando la pubblicazione dello stesso. Il traguardo pare ora vicino ma fa specie che neanche la possibilità di incamerare delle somme per dare fiato alle casse comunali riesce ad accelerare le procedure dentro il Comune.
MGL
12 novembre 2017