lunedì 10 luglio 2017

Per la Commissione tributaria la Giarre Parcheggi deve pagare al Comune la Tosap, anche per gli anni passati

Una recente ordinanza della Commissione tributaria regionale pone il Comune nella condizione di potere recuperare dalla Giarre Parcheggi tributi per un milione di euro. Si è tenuta, infatti, la camera di consiglio in Commissione tributaria regionale ove è stata discussa l’istanza sulla inibitoria della sentenza di I grado relativa alla Tosap (Tassa per l’occupazione spazi e aree pubbliche) dovuta dalla Giarre Parcheggi al Comune di Giarre. Un’ordinanza ha rigettato tale istanza e di conseguenza il comune può attivare procedure esecutive per recuperare i tributi qualora la Giarre parcheggi non pagasse. In gioco c’è oltre 1 milione di euro. 
«Già stavamo procedendo comunque – spiega l’assessore aitributi, Salvo Vitale -  a maggior ragione adesso si intende recuperare queste somme».
La Giarre Parcheggi ha ricevuto dal Comune tre avvisi di accertamento in cui l’Ente chiede il pagamento della tassa sui rifiuti, della Tosap e dell’Imu. La ditta si è opposta,  per la tassa sui rifiuti, la sua opposizione è stata accolta e il Comune, a suo tempo, non si costituì in giudizio nel ricorso in commissione tributaria presentato dalla Giarre Parcheggi; una decisione dai contorni poco chiari che suscitò polemiche e che ha fatto perdere al Comune ingenti somme.
Negli altri due casi le decisioni della Commissione tributaria sono state a favore del Comune che quindi può richiedere il pagamento della Tosap e dell’Imu, anche per gli anni pregressi.
L’assessore Vitale ribadisce che, secondo il Comune, la Giarre Parcheggi è tenuta a pagare queste tasse e che l’amministrazione si costituirà sempre in giudizio in caso di opposizione.





«La concessione quarantennale necessita di essere rivisitata, sia negli aspetti applicativi che nei rapporti economici – dichiara il sindaco Angelo D’Anna -. Si sono accumulate negli anni diverse situazioni di conflittualità che rimangono, ma questa sentenza mette il comune nella condizione di affermare, ancora una volta, che i corretti rapporti contrattuali che vanno rispettati. Spesso la Giarre parcheggi ha rivendicato diritti e richieste economiche, adesso deve tenere conto di questa ordinanza, così come ho specificato in una mia nota inviata all’amministratore delegato in riscontro alle numerose comunicazioni che in questi mesi sono stati dalla stessa ditta prodotte».
MGL
8 luglio 2017
Posta un commento