venerdì 14 luglio 2017

Giarre, apertura e manutenzione dei parchi, anche con nuovi chioschi

L’apertura dei parchi tutti i giorni e tutto l’anno resta il cruccio dei consiglieri comunali. La questione è stata di nuovo esaminata, ieri mattina, in una seduta congiunta delle commissioni consiliari II e IV. «Vorremmo produrre un atto di indirizzo affinchè nelle aree a verde comunali meno seguite si possano realizzare dei chioschi in modo che chi li gestisce si occupi poi anche della manutenzione e dell’apertura dei parchi», spiega  Rosy Finocchiaro, presidente della II commissione consiliare “Attività produttive”.
L’idea di un bando per la creazione di nuovi chioschi nei parchi era già stata sperimentata durante la sindacatura Sodano. Tanti affidi fallirono e alla fine l’unico esperimento riuscito è stato quello del parco Chico Mendez. L’obiettivo è ripetere questa stessa esperienza che ormai dura da alcuni anni. Tre per ora le aree a verde individuate dai consiglieri per la collocazione di chioschi: il parco di San Giovanni Montebello, la villetta di Miscarello (ove già esiste una struttura abbandonata da adibire a chiosco) e il parco Don Milani di Trepunti.




«C’è stata anche una richiesta per realizzare chioschi in vari siti – aggiunge la presidente Finocchiaro - ma non volevamo sconvolgere gli equilibri commerciali. Torneremo a discutere di questo argomento in un’ulteriore seduta per dare un indirizzo politico e poi confrontarci con l’ambito gestionale».
Ma l’apertura dei parchi non è un argomento che si può ridurre solo al tentativo di creare nuovi chioschi per affidarne l’apertura e chiusura a privati. Sulla questione, negli scorsi mesi, il Consiglio comunale, all’unanimità, ha approvato un atto di indirizzo in cui si chiedeva all’amministrazione di impegnarsi per la riapertura dei parchi cittadini, un tema molto sentito dalla cittadinanza ma di non facile realizzazione per via dell’esiguità del personale dell’Ente. Nei mesi scorsi, si era poi appreso che l’amministrazione aveva trovato delle persone, seguite dai servizi sociali, che si sarebbero occupate dell’apertura e chiusura dei parchi stessi. «La prossima settimana convocherò una seduta della commissione per verificare le condizioni dei parchi e la loro apertura – spiega Giusi Savoca, presidente della IV commissione “Beni ambientali e tempo libero” -. So che sono stati eseguiti dei lavori di pulizia e che adesso i parchi di Macchia, San Giovanni Montebello e Jungo sono aperti. La nostra richiesta è che siano aperti sempre».
MGL
13 luglio 2016



Posta un commento