giovedì 6 luglio 2017

Giarre, in consiglio si parla di rifiuti e derattizzazione

Vi sono problemi igienico-sanitari a Santa Maria la Strada e Macchia. Lo ha denunciato lunedì sera, in Consiglio comunale, Giannunzio Musumeci del Pd. Nella prima frazione, il problema deriva dalla nota carenza idrica. Musumeci ha definito infruttuose e inutili le soluzioni sinora tentante dall’amministrazione che ha affidato prove di pressione a un ingegnere esterno; Musumeci ne ha chiesto il costo e quando l’amministrazione inizierà a costruire una nuova condotta per la frazione. A Macchia il disagio è presente in tutta la zona al di sopra del Museo ove si avverte un odore nauseabondo.
Dalla maggioranza, Giusi Savoca ha reclamato interventi urgenti di diserbo e derattizzazione in via Gorizia e nel riassumere l’attività svolta dalla IV commissione che presiede ha sottolineato che dopo avere chiesto e ottenuto l’acquisto di defibrillatori gli stessi non sono ancora in funzione per mancanza di collaborazione (o di tempo) da parte di chi è preposto. Armando Castorina ha, invece, sollecitato la rimozione della sabbia vulcanica ancora presente nelle strade e delle tabelle elettorali, ormai utilizzate per l’affissione dei manifesti pubblicitari dei concerti.
Il servizio rifiuti gestito dalla Dusty è stato poi al centro di due attività ispettive dei consiglieri di opposizione Antonella Santonoceto e Leo Patanè. La prima ha denunciato la scarsa informazione sulla raccolta differenziata, per cui molti cittadini ancora non sono al corrente dell’avvio del nuovo servizio. Patanè ha, invece, sollecitato interventi di derattizzazione e disinfestazione in tutto il territorio che, secondo quanto prevede il capitolato d’appalto con la Dusty, devono essere eseguiti proprio dalla ditta che sta gestendo il servizio rifiuti a Giarre. Patanè, in particolare, ha segnalato una pericolosa presenza di topi in via Don Luigi Sturzo.



L’assessore alle attività tecniche Giuseppe D’Urso ha in parte dato ragione alla consigliera Santonoceto, avendo verificato durante il blitz antisporcaccioni che molti cittadini erano all’oscuro del nuovo servizio. A proposito della derattizzazione ha riferito di un inghippo sorto nell’espletamento del servizio, a causa del prodotto scelto e non conforme alle prescrizioni dell’Asp. Il tutto sta ritardando l’avvio della derattizzazione.
MGL
5 luglio 2017
Posta un commento