mercoledì 1 marzo 2017

Giarre, segretario Pd denuncia tesseramento "abusivo"


Il segretario del Pd Giarre, Dario Li Mura, contesta le modalità secondo cui si è svolto il tesseramento definendolo “abusivo” «nei modi, nei luoghi, negli uomini ad esso preposti, incerto nelle regole, drogato nei numeri». In una nota, Li Mura aggiunge che «Il ruolo di filtro dei Circoli è stato neutralizzato con la presenza di soggetti estranei alla realtà locale». Per questo lo stesso Li Mura ha rifiutato di firmare le tessere: «non metterò mai il mio nome – spiega- accanto a quello dei professionisti delle clientele, di chi si è candidato contro il partito, dei trasformisti, di chi oggi è del Pd perchè è partito di governo e domani chissà?».


Li Mura afferma che adesso si aprirà una riflessione, con quanti condividono le sue posizioni. E cita Walt Whitman: "Resistete molto, obbedite poco, basta obbedire ciecamente una volta, per esser in pieno asserviti, e una volta asserviti, nessun popolo, o stato, o città di questa terra può riconquistare la libertà”. Con lui 12 membri del direttivo: «Il Pd – dicono - ha subito una vera e propria mutazione genetica, non è più il partito che abbiamo contribuito a costruire sul nostro territorio, facciamo nostra la posizione del segretario».
MGL
28 febbraio 2017



Non tarda ad arrivare la replica al segretario del Pd Giarre Dario Li Mura che ieri aveva denunciato un tesseramento del partito “drogato” e, insieme ad altri 13 membri del circolo aveva dichiarato di non riconoscersi più nell’attuale Pd. In una nota, a firma di un altro membro del circolo del Pd, Rosaria Caltabiano, si legge: «Lo stile scelto per le dimissioni "a mezzo stampa" è bizzarro: le dimissioni vanno rese nelle sedi preposte, come formalmente previsto ai sensi dello statuto e dei regolamenti del PD. Il termine "dimissione" è  formalmente errato. Una o più dimissioni, devono infatti avvenire in maniera formale, all'interno degli spazi e organismi statutari (leggi direttivi di circolo e assemblea degli iscritti).
Pertanto si ritiene che Dario Li Mura e gli altri firmatari, abbiano voluto adottare la formula , legittima, dell'autosospensione, rispetto alla quale gli organismi del partito democratico prenderanno atto»

Il comunicato stampa di Li Mura viene quindi interpretato come una "fuoriuscita o scissione dal PD".
MGL
Posta un commento