venerdì 3 marzo 2017

A Giarre 250 vigili urbani da tutta la Sicilia, Calabria e Molise

Il teatro Rex ha ospitato, ieri, mattina e pomeriggio, l’annuale giornata di studio gratuita per agenti di polizia municipale; un appuntamento che ogni volta porta a Giarre centinaia di vigili urbani provenienti da tutta la Sicilia e non solo. La giornata, organizza da Infopol in collaborazione con il comando della polizia municipale di Giarre, è stata incentrata quest’anno sul tema “La polizia edilizia e la gestione dei rifiuti edili”. Relatori sono stati il dott. Angelo Brugaletta, sostituto procuratore della Repubblica di Catania e il dott. Domenico Giannetta, comandante di polizia locale ed esperto di protezione civile, dello sportello unico attività produttive, specialista in organizzazione e gestione della sicurezza urbana.
250 i partecipanti giunti da tutte le province dell’isola, e anche dalla Calabria e dal Molise.  Un appuntamento, quindi, che, come ha sottolineato il comandante della polizia municipale di Giarre, Maurizio Cannavò, è andato a crescere di anno in anno. «Novità di quest’anno – aggiunge il comandante - l’adesione degli studenti dell’istituto tecnico per Geometri di Riposto, nell’ambito del progetto scuola-lavoro. E’ il terzo anno che organizziamo questa giornata il tema è trattato sia dal punto di vista della Procura della Repubblica, grazie al dott. Brugaletta che da tanti anni si occupa di questo tipo di reati, che dal punto di vista del comandante della polizia di Avellino, Giannetta».
Durante la giornata si è parlato di problemi che le pubbliche amministrazioni devono affrontare quotidianamente: i reati urbanistico-edilizi e la gestione dei rifiuti edili, gli adempimenti da parte delle imprese, i compiti del produttore dei rifiuti e dell’appaltatore, la tracciabilità dei rifiuti da demolizione, il loro smaltimento o recupero e lo smaltimento del famigerato amianto. I partecipanti hanno approfondito il tema delle sanzioni degli illeciti amministrativi e penali in materia di tutela ambientale. 
MGL
2 marzo 2017
Posta un commento