lunedì 24 ottobre 2016

Giarre, Tech servizi assumerà tutti i lavoratori in forza alla Geo

Tutti i 27 lavoratori del servizio di igiene ambientale che erano ingaggiati dalla Geo Ambiente, a seguito del fallimento di quest’ultima, saranno assunti dalla Tech Servizi, l’altra azienda che in Associazione temporanea di impresa ha gestito sinora il servizio  di nettezza urbana a Giarre. Ieri è stata un giorno frenetico di incontri per risolvere il problema. Appena si è sparsa la voce del fallimento della Geo molti dei lavoratori non hanno lavorato.
«Con il fallimento della Geo - ci ha spiegato Alfio Leonardi, della Funzione pubblica Cgil provinciale - il personale si è trovato in un limbo ed era a rischio la continuità lavorativa e i diritti maturati, visto che la prossima ditta che gestirà l’appalto avrebbe potuto prendere questo personale senza tenere conto dell’anzianità di servizio. Come Cgil siamo interessati ad assicurare i livelli occupazionali e ora sappiamo che, in tempi brevissimi, saranno assicurati anche gli stipendi. Il curatore fallimentare sta prendendo coscienza della situazione della Geo: le spettanze dei lavoratori non possono che avere priorità e per le spettanze di fine rapporto ci siamo già attivati con i nostri avvocati per recuperarle. Il personale è stato messo in salvo senza creare allarmismi e ci siamo sempre preoccupati di creare un ambiente sereno».
Rosario Garozzo dell’Ugl da parte sua afferma: «Abbiamo avuto un bel confronto con il sindaco Angelo D’Anna e l’assessore alle attività tecniche Giuseppe D’Urso: avevano già incontrato la Tech. A Floridia si dovrebbe firmare questo passaggio e già da domani (oggi ndc) i lavoratori dovrebbero potere lavorare in sicurezza.  Noi avremo poi un ulteriore incontro con l’amministrazione comunale alla presenza del nostro legale per trovare una soluzione volta alla salvaguardia degli arretrati».
«Abbiamo appreso formalmente del fallimento dopo avere rinnovato l’incarico – ci ha detto il sindaco -. La Tech, in virtù della normativa vigente, deve garantire continuità al servizio, dovrà assorbire le risorse umane che sinora hanno lavorato con la Geo e dovrà mettere a disposizione mezzi propri. Stiamo preparando una comunicazione alla Tech in cui chiediamo di garantirci il possesso di tutti i requisiti.   Abbiamo dimostrato rapidità ed efficienza nell’affrontare i problemi».
MGL
Pubblicato sul quotidiano La Sicilia il 21 ottobre 2016
Posta un commento