lunedì 22 agosto 2016

Giarre, commissione esamina questione terreno di Miscarello

Il piano delle alienazioni immobiliari e, in particolare, il terreno di Miscarello che vi è inserito sono stati al centro di una seduta della III commissione consiliare che sulla questione ha ascoltato, in proposito, l’assessore alle attività tecniche Giuseppe D’Urso e il geom. Roberto Rompineve.
La questione era stata già esaminata durante la precedente consiliatura. In occasione di intense piogge, l’acqua dal parcheggio comunale di Miscarello si riversa in un terreno privato attiguo, provocando danni. Il Comune non ha sinora provveduto, a proprie spese, a ovviare questo problema e i danni si sono via via aggravati. Per questo si è ipotizzata una forma di compensazione: cedere in permuta al privato un terreno comunale attiguo al parcheggio, e, in cambio, il privato provvederà, a proprie spese, a realizzare i lavori di canalizzazione dell’acqua. Questo terreno comunale, in parte agricolo e in parte edificabile, è stato, per questo motivo, inserito tra i beni alienabili del Comune.
Ma il cespite potrebbe anche essere stralciato, così come è stato palesato durante l’ultima seduta del Consiglio comunale. «Inserirlo o non inserirlo nel piano cambia poco – spiega l’assessore D’Urso – se lo si inserisce poi bisogna prevedere in uscita delle somme per realizzare la condotta».  

Da più di un anno l’area comunale adibita a parcheggio è chiusa, per evitare che l’acqua piovana dalla provinciale si riversi nel parcheggio e da lì nei fondi attigui.
Alla fine della commissione si è deciso di visitare i luoghi. «L’interlocuzione con il privato si può fare sia che il terreno sia inserito nel piano sia che sia fuori. A breve lo decideremo – spiega il presidente Francesco Cardillo -. In commissione stiamo  esaminando gli atti propedeutici al bilancio perchè ritengo prioritario approvare al più presto il bilancio preventivo e consuntivo 2015 per passare al bilancio 2016 che è più importante ed è una priorità per il Consiglio poterlo esaminare con i tempi giusti. Quindi è importante non perdere tempo su atti propedeutici al bilancio 2015 pur compiendo tutti i dovuti passaggi. Sul piano delle alienazioni su alcuni punti vi sono esigenze di chiarimenti, nella prossima seduta contiamo di esitare il piano e decidere in maniera tale che possa passare al vaglio del Consiglio. Lo penso da presidente e ritengo che la pensino così anche gli altri componenti della commissione  con cui stiamo dialogando in maniera serena».  
MGL
Pubblicato sul quotidiano La Sicilia il 20 agosto 2016
Posta un commento