martedì 30 dicembre 2014

#Giarre, san Silvestro in piazza

Piazza Duomo sarà protagonista della notte di san Silvestro. Lo assicura il presidente della Pro Loco, Salvo Zappalà, impegnato nell’organizzazione della gran festa di fine anno giarrese. «Dal cuore del centro storico – afferma Zappalà – partirà questa sequenza di
eventi musicali che coinvolgeranno tutti  i giarresi in una grande festa, tra animazione e sano divertimento». Il programma prenderà il via alle ore 22,30 con l’esibizione del gruppo country “The Sound of boots” della maestra Roberta Di Natale. Si proseguirà con la musica e
l’animazione del duo Giovanni Nicastro e Luca Seminara con “Ti voglio Denz”. Zappalà annuncia che in piazza Duomo sarà allestito un maxi schermo per collegarsi con le tv nazionali e condividere il conto alla rovescia. Allo scoccare della mezzanotte si brinderà in piazza e sarà
distribuito panettone e spumante ai presenti. I fuochi pirotecnici della ditta Vaccalluzzo daranno il benvenuto al nuovo anno.
Sarà la prima volta a Giarre che si festeggerà il capodanno in piazza, così come avviene nelle grandi città. Una sfida dunque per il presidente della Pro Loco che da alcuni anni organizza già con successo la notte bianca giarrese.


lunedì 29 dicembre 2014

Cena solidale di Natale della Croce rossa

Una vigilia di Natale alternativa è stata quella dei volontari del comitato locale jonico della Croce rossa che, come ogni anno, ha rinnovato l’iniziativa delle cene solidali di Natale: a Giarre nei locali dell’Ipab “Marano”, a Riposto del centro “Viviana Lisi”, a Mascali nella Casa di Riposo “A Casa Mia”. Ovunque la cena è stata servita grazie a donazioni di attività commerciali e private.  Il presidente del comitato locale jonico, Davide Camarda, spiega: «Questa sera sono coinvolti 270 utenti che saranno serviti da un’ottantina circa di volontari E’ un’iniziativa che si è consolidata negli anni. Partecipano non solo i volontari delle tre sedi ma anche i volontari delle altre sedi. In particolare, su Giarre l’iniziativa è svolta insieme ai volontari della mensa “Madre Teresa”, vi partecipano utenti della mensa e altri utenti. Abbiamo avuto anche una donazione del Lions club e ringrazio anche l’Ipab casa di riposo “L.Marano” che ci ospita»


domenica 28 dicembre 2014

Il sindaco di Giarre fa un bilancio del 2014

L’approvazione del bilancio di riequilibrio pluriennale è il risultato più importante del 2014 per Giarre. Ne è certo il sindaco Roberto Bonaccorsi che dice: «Basta guardare a quello che sta accadendo il altri comuni per capire che la cosa più importante è aver messo in parte fine al rischio di provvedimenti nei confronti della nostra città, che avrebbero segnato almeno i prossimi 5-7 anni. E non era semplice.
Altri risultati del 2014?
Sono tanti: penso alla riorganizzazione del settore amministrativo interno, processo che si ultimerà con la dotazione organica. Vi sono atti simbolici, come l’aver fatto diventare Giarre un punto di riferimento culturale: penso alla rassegna “Girare Pagina” e all’incontro con Pietrangelo Buttafuoco e Claudio Fava. E poi l’avere approvato, in un anno, tre bilanci di previsione: una settimana fa abbiamo approvato in giunta il bilancio di previsione 2015. Nel nostro contesto fare le cose ordinarie significa fare lo straordinario.
Andando alle cose che il cittadino comune nota girando per strada, alcuni nuovi cassonetti della raccolta differenziata sono stracolmi..
Perché sono usati per altri fini: non possono essere svuotati a mano quando vi vengono conferiti rifiuti indifferenziati. Dobbiamo essere bravi a sanzionare, ma c’è bisogno anche di crescere da un punto di vista civico.
L’appalto della raccolta dei rifiuti sarà la priorità del 2015…
Sarà realizzato il nuovo Centro comunale di raccolta, è stato approvato l’Aro, non c’era nulla di pronto: abbiamo fatto tutta l’attività amministrativa propedeutica.
Giro ogni mattina per la città, chiamo spesso i responsabili della ditta che si occupa della pulizia: questa attenzione c’è, ma non basta, vi sono consuetudini stratificate.


Debiti fuori bilancio e atti tecnici

 L’antivigilia di Natale il Consiglio comunale si è riunito per riconoscere due debiti fuori bilancio e approvare una presa d’atto di una modifica normativa e un’altra presa d’atto di un emendamento al piano triennale delle opere pubbliche. In via preliminare vi sono stati alcuni interventi: Tania Spitaleri ha puntato il dito sulla mancata stabilizzazione dei lavoratori precari del Comune e sul paventato rischio di non poter prorogare i contratti  in essere.
Gabriele Di Grazia ha rilevato che è prerogativa del Consiglio comunale dare all’amministrazione gli indirizzi per la revisione della pianta organica. Concetto ribadito anche da Giannunzio Musumeci. Francesco Cardillo ha invitato l’amministrazione comunale a chiedere alla Provincia che il Comune sia coinvolto nelle decisioni che riguardano il futuro dell’albergo Sicilia. 

m.g.l.
Pubblicato sul quotidiano La Sicilia il 24 dicembre 2014

sabato 27 dicembre 2014

Giarre, sindaci e artigiani insieme per un documento comune

Diversi sindaci hanno risposto all’appello lanciato, nelle scorse settimane dall’Unione libera artigiani di Giarre e hanno partecipato, ieri mattina, ad un incontro tenutosi nella sede dell’associazione di categoria.
Erano presenti sindaci, o loro rappresentanti, di alcuni comuni del circondario giarrese, ma anche da Acicatena.
Si lavora a un documento sulla crisi del settore artigianale e sulle possibili strategie di rilancio dell’economia;  documento che, attraverso i primi cittadini, sarà presentato sia alla Regione siciliana che al governo nazionale.
Tre le tematiche principali su cui si svilupperà il documento: la mancanza di lavoro e come crearne, l’eccessiva tassazione che strozza le imprese e l’assenza di credito da parte delle banche.
L’atmosfera è ormai quella dell’ultimo grido di allarme da parte di chi non si rassegna ad una morte nel silenzio. E l’azione dell’Ula mira quindi a contenere l’esasperazione della categoria produttiva. «Questa iniziativa – afferma il presidente dell’Ula/Claai, Diego  Bonaccorso - è l’ultima chance a cui gli artigiani si aggrappano perchè ormai sono pronti anche alla disobbedienza fiscale, non essendo più nelle condizioni di potere sopravvivere, sia loro, che le loro aziende e i loro lavoratori


martedì 23 dicembre 2014

Giarre ricorda l'ing. Camillo Bosco

Funerali civili, ieri mattina, nell’atrio del Comune di Giarre, per l’ing. Camillo Bosco, uno dei primi deputati dell'hinterlad giarrese, spentosi all’età di 91 anni. In tanti hanno voluto dare l’ultimo saluto all’illustre professionista e politico. Tra i vari interventi, quello del presidente dell'ordine degli ingegneri di Catania, Santi Maria Cascone: «E’stata una figura di prima grandezza nel panorama nazionale per più di mezzo secolo – ha detto - . Come professionista ė stato un innovatore. L'intera categoria degli ingegneri gli ė grata per gli insegnamenti che ci ha lasciato». «L'ing. Camillo Bosco – ha  aggiunto l'ing. Carmelo Maria Grasso - è stato un esempio per generazioni di professionisti». 


Giarre, rimozione rovi da chiesa di San Leonardello

Rimossa tutta la fitta vegetazione di rovi e spine che da anni, ormai, si era creata attorno alla puntellatura che circonda l’antica chiesa intitolata a “Maria Santissima della Libertà” nella frazione di San Leonardello; si tratta della chiesa più antica di Giarre insieme a quella del convento. Gli interventi sono stati realizzati per iniziativa, e a spese, della comunità “Maria Santissima della Libertà”. Il parroco, don Luigi Privitera, ha dato incarico a personale competente per eseguire questi lavori che si erano resi necessari sia per questioni di decoro  che di  sicurezza, ma anche per evitare che questa disordinata vegetazione potesse arrecare disturbo alla visibilità e alla circolazione veicolare.

lunedì 22 dicembre 2014

#Giarre, l'Ipab Marano amplierà la propria offerta di servizi


Non solo assistenza degli anziani, l’Ipab casa di riposo “L.Marano” intende ampliare i servizi che offre, modificando il proprio statuto.
Il tradizionale scambio di auguri tra il Cda dell’opera pia, il personale e i volontari della “Marano” ha dato occasione al presidente del consiglio di amministrazione, Rosario Cotugno, di anticipare le idee che si intendono portare avanti. «Nell’attuale statuto dell’Ipab - spiega Cotugno – è prevista solo l’assistenza degli anziani, degli inabili al lavoro e degli indigenti. Con il nuovo statuto amplieremo le finalità, recepiremo quanto prevede la legge 328, ci rivolgeremo ad un’utenza molto più ampia: disponiamo di 40 posti letto e abbiamo il secondo piano del tutto vuoto». La modifica dello statuto da parte del Cda dovrà poi essere approvato dalla Regione.
Ma perché le Ipab possano ancora esistere in Sicilia sono necessari alcuni passaggi da parte della Regione: «Ci aspettiamo – continua Cotugno – che il governo regionale faccia chiarezza e vari un riordino: al momento ci sono circa dieci disegni di legge e in commissione regna la confusione. In particolare, per quanto riguarda gli aspetti finanziari, al momento per le Ipab non è prevista la possibilità di piani di riequilibrio come per i Comuni. La Regione dovrebbe indicare il percorso  che potrebbe essere, ad esempio, quello di dare alle Ipab le stesse opportunità date ai Comuni per spalmare i disavanzi, magari fino a un massimo di 10 anni, anche sotto il controllo della Corte dei conti».


Motivo di orgoglio della “Marano” è  l’elezione di un membro del Cda, il dott. Sebastiano Russo, nel collegio di garanzia dell'Ares Sicilia, associazione che raggruppa le Ipab siciliane.  
La Marano, inoltre, l’anno prossimo, festeggerà i 60 anni di esistenza, in coincidenza con il bicentenario del Comune di Giarre.
Il sindaco Roberto Bonaccorsi ha ringraziato il personale dell’Ipab che presta servizio malgrado attenda stipendi arretrati, data la situazione debitoria dell’Ipab. «Chi ha bisogno qui trova ristoro – ha detto - avere a fianco qualcuno che lo pensa significa potere affievolire il proprio bisogno».
Maria Gabriella Leonardi
Pubblicato sul quotidiano La Sicilia il 21 dicembre 2014

domenica 21 dicembre 2014

#Giarre, urgono i riscaldamenti dentro la biblioteca comunale

Non è più rinviabile la sistemazione dell’impianto di riscaldamento della biblioteca comunale “Domenico Cucinotta” per renderla più funzionale, sia per gli utenti che per gli impiegati che vi lavorano. Lo sostiene il presidente della IVª commissione consiliare, Angelo Spina, a seguito di un sopralluogo della commissione nell’immobile di piazza Jolanda.
I consiglieri hanno notato dei miglioramenti rispetto a quanto rilevato precedenti sopralluoghi: è stata sistemata la ringhiera esterna e, soprattutto, in questi giorni, sono a lavoro, all’interno della biblioteca, due ragazzi dei cantieri di servizio che, sotto indicazione della responsabile della biblioteca, Teresa Sciacca, stanno sistemando meglio gli archivi per accrescerne la fruizione.
Alcuni consiglieri hanno evidenziato che occorre dotare la biblioteca della connessione wi-fi. Mancano anche le luci di emergenza e quando, in occasione di temporali, manca la luce, per chi si trova dentro è un problema muoversi.


#Giarre, le domande dei consiglieri

Dopo una seduta tenutasi lunedì e andata a vuoto per mancanza del numero legale, martedì sera il Consiglio comunale si è riunito e ha trattato un solo punto all’ordine del giorno: l’attività ispettiva. Numerose, come sempre, le questioni sollevate dai consiglieri. Dall’opposizione, Tania Spitaleri  ha puntato il dito contro gli incarichi ad esperto conferiti dal sindaco al dott. Giovanni Tracia e al dott. Gaetano Oliva, chiedendo perché non sono stati adeguatamente pubblicizzati e pubblicate a tempo debito all’albo pretorio e come si giustifica la somma di 62mila euro spesi per pagarli. La Spitaleri ha poi preso di mira l’oneroso affitto del locale che ospita il Centro per l’impegno e ha chiesto al sindaco di trasferire questo Centro invece dell’ufficio tecnico, nei locali dell’ex Tribunale di corso Europa.
Sempre dall’opposizione Salvo Zappalà ha chiesto l’installazione delle luminarie natalizie anche nella zona artigianale e nelle frazioni «che sono parte integrante della città e non sono abitate da cittadini di serie b». Giannunzio Musumeci ha chiesto a che punto sono i lavori nello stadio comunale, tema molto caro ai tifosi del Giarre, e se vi sono delle bollette telefoniche non pagate dal Comune, visto che  alcune scuole che non possono effettuare  telefonate, ma solo riceverle.

sabato 20 dicembre 2014

#Giarre, ruspe a lavoro per la rotatoria di Trepunti

Ed eccole, finalmente, le ruspe in azione per i lavori di realizzazione della rotatoria dinanzi al casello autostradale. Si tratta di un intervento molto atteso, anche perché interessa un luogo nevralgico per la circolazione stradale. Come spiega il dirigente comunale dell’area “Servizi tecnici”, Venerando Russo, responsabile unico del procedimento per i lavori della rotatorio: «La maggior parte degli interventi si realizzeranno all’interno di quella che era prima proprietà privata, ove si trovava il lavaggio. Nell’ultima fase i lavori si terranno all'esterna, è previsto l’abbattimento del muro e, per non intralciare il traffico veicolare, si lavorerà in orario notturno».
Nei giorni scorsi sono state apportate delle piccole modifiche al progetto, anche al fine di evitare l’interruzione dei lavori nella fase di esecuzione degli interventi all’interno della carreggiata stradale.


venerdì 19 dicembre 2014

Lavori al Duomo di #Giarre, i timori dell'arciprete



Occorre riorganizzare i posteggi della fiera di #Giarre

La fiera del giovedì a Giarre - foto MGL
Urgono interventi per rendere più efficiente l’organizzazione del mercato settimanale del giovedì. E’ quanto sollecitato, in Consiglio comunale, dal gruppo "Articolo 4", composto da  Carmelo Strazzeri e Raffaele Musumeci. Nella puntuale interpellanza, presentata in aula dal consigliere Strazzeri, sono stati rilevati diversi problemi nella fiera settimanale, a partire dai posteggi che non sono più delimitati da anni e, di conseguenza, difficilmente si riescono a controllare gli spazi, in particolare, quelli che si rendono occasionalmente liberi e che possono essere riassegnati con sorteggio settimanale. «Questo – ha rimarcato Strazzeri - crea problemi sia agli operatori che al personale di polizia municipale».
Mancano, inoltre, i servizi igienici e diverse botole sui marciapiedi di via Federico II di Svevia sono senza copertura. Noti i problemi alla  viabilità: i cittadini, infatti, il giovedì incontrano difficoltà a raggiungere gli uffici comunali che si trovano sulla stessa strada in cui si svolge la fiera. Strazzeri ha, quindi, proposto di «vietare la sosta su un lato di via Federico II di Svevia e su un lato di via Vittorini per facilitare il deflusso del traffico in corrispondenza del plesso Jungo e degli uffici comunali». Tra l’altro, dato che dentro il mercato sono presenti stalli inutilizzati da tempo, regolamentandoli si potrebbe far slittare in basso il mercato e liberare i tratti di strada anzidetti.


giovedì 18 dicembre 2014

#Giarre, Ipab Casa delle fanciulle Bonaventura ha vinto un primo ricorso

Il giudice della V sezione del Tribunale civile di Catania, Mario Accardo, ha dato ragione al ricorso presentato dall’Ipab “Bonaventura” e ha ordinato alla cooperativa sociale “Ambiente e benessere” di Mascali di sgomberare, entro 10 giorni, i locali che ha illegittimamente occupato nell’immobile di via Alcide De Gasperi n.46.
La stessa cooperativa ha ammesso che l’immobile era occupato senza titolo: il contratto non era stato mai registrato. Assistita dall’avv. Giovanni Sciangula l’opera pia aveva chiesto la restituzione immediata di questi locali affidati irregolarmente alla cooperativa.
La “Ambiente e benessere”, condannata anche al pagamento delle spese di giudizio, attraverso l’avv. Mario Leotta precisa solo che «Il procedimento cautelare riguarda la porzione di edificio posto al piano primo, in realtà mai usato dalla cooperativa in quanto poco tempo dopo la stipula del contratto e già precedentemente alla sua decorrenza si sono verificate ingenti infiltrazioni di acqua piovana dal tetto di copertura, tali da rendere i locali inutilizzabili. Proprio per tale motivo il contratto non venne registrato».
L’Ipab ha citato in giudizio la “Ambiente e Benessere” anche per altri presunti illeciti negoziali commessi dalla cooperativa e  per cui l’opera pia ha chiesto un risarcimento di ben 100mila euro.


Giarre, studenti dell'Ipsia in visita al Senato

Gli studenti dell’Istituto professionale di stato per l’industria e l’artigianato “Majorana-Sabin”, nei giorni scorsi, hanno partecipato a Roma ad una seduta del senato.
Gli allievi, selezionati mediante un bando di concorso interno all’Istituto scolastico sul tema “I valori della Costituzione”, hanno vissuto un’esperienza indimenticabile in un momento importante per il nostro Paese: la votazione sulla Riforma del lavoro e il cosiddetto “Jobs Act”.


mercoledì 17 dicembre 2014

Giarre, l'adozione degli spazi a verde da parte di privati sarà regolamentata


Sono già una dozzina gli spazi comunali a verde recuperati dal degrado e dall’oblio grazie alle adozioni da parte di associazioni o di aziende private. Una buona notizia acclarata ufficialmente durante un incontro della IV commissione consiliare con l’assessore al verde pubblico Salvo Patanè. Queste adozioni saranno presto al centro di una regolamentazione da parte del Consiglio comunale. «Al momento esiste solo un regolamento dirigenziale – spiega il presidente della commissione consiliare, Angelo Spina – insieme alla Iª commissione e intendiamo apportare delle modifiche, mantenendo però intatto lo spirito iniziale: non deve esservi alcuno scopo di lucro e se vi sono privati interessati all’adozione di uno spazio a verde a scopo di lucro l’accordo dovrà essere di altro tipo. Il bando per le adozioni di aree a verde scadrà il prossimo 31 dicembre ma sarà prorogato per altri sei mesi. E questo era un aspetto che ci premeva particolarmente».


Assemblea territoriale della Cisl a #Giarre

La Cisl è in mobilitazione e sta tenendo ovunque assemblee territoriali. Qualche giorno fa, nella sala Romeo del palazzo delle culture si è tenuta l’assemblea territoriale per l’hinterland giarrese. Obiettivo del sindacato è modificare, attraverso le proprie proposte, la legge di stabilità nazionale e i decreti attuativi riforma del lavoro.
Come ha spiegato la segretaria generale della Cisl di Catania, Rosaria Rotolo 
«Con le assemblee nel territorio il sindacato intende condividere le proposte e rafforzare la partecipazione delle persone».
Secondo la Rotolo, a tutti i livelli, dal locale al nazionale, servono interventi per favorire sviluppo e il lavoro produttivo attraverso investimenti in infrastrutture e opere.


martedì 16 dicembre 2014

Giarre, giunta approva bilancio di previsione 2015

La giunta comunale di Giarre, guidata dal sindaco Roberto Bonaccorsi, ha approvato  il bilancio di previsione 2015, un documento che ripercorre le linee tracciate nel piano di risanamento e conferma gli impegni che l’amministrazione ha assunto.
Come spiega, infatti, il primo cittadino: «Non è possibile per il nostro Comune discostarsi dagli obblighi assunti nel piano di riequilibrio pluriennale. Dal 1°gennaio dell’anno prossimo inizierà la verifica dalla Corte dei conti sul rispetto del piano di risanamento e sarà il primo anno in cui il Comune di Giarre sarà sottoposto ad una verifica semestrale».

Nuovo ricoscimento per il III istituto comprensivo di #Giarre

Nuovi prestigiosi riconoscimenti per il III istituto comprensivo “Giuseppe Macherione”, scuola che già vanta un prestigioso curriculum. L’istituto, è stato designato dall'Ufficio scolastico regionale della Sicilia come esempio di buona pratica per l'utilizzo dei fondi della Comunità europea. Dal 19 al 22 novembre scorsi, con un proprio stand,  ha partecipato all'evento nazionale “Orienta&job” di Verona. Durante queste tre giornate, il quintetto jazz, formazione musicale in rappresentanza della più ampia orchestra Macherione ha  eseguito un variegato repertorio jazz, incantando i visitatori  in uno spazio appositamente creato e denominato  Caffè pon.


lunedì 15 dicembre 2014

Ecco il logo del bicentenario del Comune di #Giarre

Poche linee essenziali ma avvincenti compongono il logo che contrassegnerà il bicentenario del Comune di Giarre. L’autore, e vincitore del bando emanato dal Comune, è il giovane architetto giarrese, Francesco Patanè che spiega: «L’idea è nata dalla ricerca di un elemento che potesse rappresentare la nostra città: ho scelto piazza Duomo, luogo nevralgico nonché una delle poche piazze che regala una vista maestosa dell’Etna. L’ho immaginata nel momento in cui è possibile da qui ammirare un’eruzione lavica e ho immaginato una lingua di lava arrivare, per la prima volta, in città, ma non per distruggere ma in segno di festa per il bicentenario. Nel logo la lingua di lava prende la forma della piazza, attraverso la riproposizione di una parte del disegno geometrico esistente sulla piazza stessa».


L'8x1000 per la manutenzione delle scuole giarresi

 Il Comune di Giarre ha approfittato del cosiddetto emendamento
Fraccaro che concede agli enti locali la possibilità di ottenere fondi dell’8x1000 per l’adeguamento antisismico e la ristrutturazione di scuole pubbliche? Ne hanno parlato ieri con l’assessore alla pubblica istruzione Antonino Raciti alcuni rappresentanti del Movimento 5
stelle Giarre. «Per potere usufruire di questa opportunità – spiega Enrico Leotta del M5S Giarre – è necessaria una relazione tecnica che,
nei mesi scorsi, abbiamo chiesto

domenica 14 dicembre 2014

#Giarre, manca solo l'inaugurazione del quartiere camposanto vecchio riqualificato

Cantiere finito nel quartiere camposanto vecchio, ormai manca solo
l’inaugurazione. Ieri mattina, la IVª commissione consiliare si è
recata in piazza De André, già piazza Marino, per rendersi conto di
persona del volto nuovo che ha acquistato l’area dopo i lavori di
restyling. Era già nota la conclusione dei lavori ma ancora non si
sente parlare dell’inaugurazione ufficiale del sito, anche se, un paio
di settimane fa, è stata intitolata al bersagliere d’Italia la
splendida gradinata che collega piazza Duomo con piazza De Andrè,
gradinata realizzata anch’essa nell’ambito dei lavori al camposanto
vecchio e che si rivela essere un anfiteatro naturale che adesso
bisognerà sapere valorizzare.


sabato 13 dicembre 2014

Boom di prenotazioni al museo del presepio di #Giarre

Che Natale sarebbe a Giarre senza una visita al museo del presepio? Nei primi giorni di dicembre la struttura, gestita dalla sezione giarrese dell’Associazione italiana “Amici del presepio”, ha registrato un boom di prenotazioni da parte di scolaresche: oltre 2000 gli alunni prenotati;  e ancora siamo sono all’inizio del mese. “Si tratta di scolaresche provenienti da ogni parte della Sicilia, anche dalla Calabria ci chiamano”, commenta soddisfatto il presidente dell’associazione, Salvatore Camiolo.
Il museo non sta fermo ed oltre accogliere visitatori espone anche qualche opera anche fuori: in un centro commerciale catanese e in un’esposizione a Capo d’Orlando.
Il museo ogni anno rinnova le sue opere, tra le opere nuove di quest’anno spicca un presepe ambientato in un borgo marinaro, realizzato e donato al Museo da Alessandro Martinisi, un’opera “a tutto tondo” da vedere assolutamente.


Il Comune di Giarre non certifica i crediti alle imprese? secondo il ministero dell’Economia si, ma non è così

Il Comune di Giarre non certifica i crediti alle imprese? secondo il ministero dell’Economia si, ma in realtà non è così. Le imprese che vantano crediti dalle pubbliche amministrazioni, a seguito del decreto 66 del governo Renzi, possono chiedere alle p.a. creditrici una certificazione del credito. Con questa certificazione le imprese possono recarsi in una banca, chiedere di cedere questo credito e ottenere liquidità con agevolazioni e garanzia dello Stato.
Purtroppo molte pubbliche amministrazioni non solo non pagano presto le imprese ma neanche concedono questa certificazione entro i 30 giorni stabiliti dalla legge.
Sul sito del ministero dell'economia è pubblicato l'elenco delle amministrazioni pubbliche che hanno istanze di certificazione pendenti oltre i 30 giorni. E sino a martedì, al 19°posto si trova Giarre, primo comune della lista - secondo solo a Roma capitale-  con 76 richieste di certificazione pendenti per un valore di 7milioni di euro circa.
In realtà le cose non stanno così. Infatti, il sindaco Roberto Bonaccorsi spiega: "Questo elenco non tiene conto dei pagamenti effettuati con le anticipazioni della cassa depositi e prestiti. Una volta pagata l'impresa la certificazione del credito è inutile ma l'istanza resta in sospeso".



Quindi, il Comune non ha certificato crediti a tante imprese perchè le ha già pagate, ma il pagamento non è stato comunicato al ministero. Al momento il Comune sta pagando le fatture sino al 30 aprile 2014 e l'attuale giunta ha accelerato i pagamenti alle imprese.
Resta tuttavia questo neo sul sito del ministero che forse varrebbe la pena di eliminare comunicando i pagamenti effettuati per tutelare la credibilità dell’Ente.
Maria Gabriella Leonardi
Pubblicato sul quotidiano La Sicilia l'11 dicembre 2014

venerdì 12 dicembre 2014

Giarre, gli scout adottano la villetta di piazza Immacolata

E’ sempre più il volontariato la salvezza del verde pubblico giarrese dall’incuria e dall’abbandono. Gli scout Cngei di Giarre hanno adottato la villetta di piazza Immacolata. «Ci prenderemo cura di quest’area con una piccola manutenzione del verde – dice il presidente dei Cngei, Salvo Grasso – controlleremo che tutto sia in ordine e saremo pungolo dell’amministrazione per possibili migliorie. Forse lo sfrutteremo anche per tenervi delle attività durante il nostro anno sociale. Pulendo quest’area a  verde abbiamo cercato soprattutto di mettere in pratica l’insegnamento del nostro fondatore Baden Powell che invitava a lasciare il mondo un po' migliore di quanto non l'avete trovato».


giovedì 11 dicembre 2014

Il Comune di Giarre aliena un terreno di 35mq. Anzi no.

Erano trascorsi pochi giorni della pubblicazione, sul sito internet del Comune di Giarre, di un avviso di vendita di un terreno che si trova su via Don Luigi Sturzo, ma già ieri la IIIª commissione consiliare permanente, che ha competenza anche sul patrimonio del Comune, si è riunita per esaminare questo avviso riscontrando anomalie. «Abbiamo chiesto un confronto perchè abbiamo ravvisato dei problemi da un punto di vista procedurale – spiega il presidente della commissione, Francesco Cardillo -. Ho sollevato la questione perché, secondo me, in questo caso il Consiglio comunale è stato esautorato di una sua competenza. I beni da alienare sono una prerogativa esclusiva del Civico consesso e questo terreno non è stato inserito nel piano delle alienazioni che il Consiglio ha approvato. Forse – aggiunge Cardillo - c’è stato un difetto di comunicazione e per questo si è arrivati a questo avviso. Ciò che mi preme è salvaguardare le competenze del Consiglio comunale e il rispetto delle procedure».


#Giarre, Articolo 4 chiede la riapertura dell'asilo nido comunale

Riaprire l’asilo nido comunale, riattivando la struttura di via Russo n°8 a Macchia - che un tempo ospitava l’asilo nido comunale - mediante affidamento in convenzione a privati. E’ la proposta che sta portando avanti il gruppo consiliare “Articolo 4”, formato dai consiglieri Raffaele Musumeci e Carmelo Strazzeri.  
Secondo “Articolo 4” obiettivo dell’affidamento a privati dovrebbe essere la possibilità che dalla cessione dell’immobile vengano realizzati, per compensazione, servizi all’infanzia e/o di tutela materno/infantile. Ad esempio, il privato in cambio dell’uso dell’immobile potrebbe praticare prezzi più bassi oppure offrire l’iscrizione gratuita ad alcuni bambini, in base ad una graduatoria del Comune.
Sono passati 8 anni dalla chiusura dell’asilo nido comunale di via Russo, per motivi economici. Nella loro richiesta, i consiglieri però evidenziano che a partire dal 2005 si è registrato un aumento (anche se lieve) delle nascite  che sono state 222 nel 2005, 235 nel 2006, 217 nel 2007 e 241 nel 2008. «Questo dato – spiegano i consiglieri – ha continuato a crescere negli anni e la nostra comunità ha richiesto l’apertura dell’asilo nido comunale».
Ma aldilà dell’incremento del numero di neonati giarresi, mancano, e non solo a Giarre, servizi a sostegno della natalità. E questo contribuisce all’invecchiamento del Paese Italia e, di conseguenza, al suo impoverimento. Per questo, riattivare l’asilo nido non è solo offrire un servizio alla città, ma anche dare un piccolo contributo per invertire una tendenza e sostenere le giovani famiglie.
Peraltro, durante gli anni di chiusura l’edificio di via Russo si è andato sempre più a deteriorare. Lasciarlo in queste condizioni renderà solo più costoso, un giorno, un suo recupero.


mercoledì 10 dicembre 2014

Al via le iniziative di Confcommercio #Giarre

Con l’inaugurazione del mercatino artigianale  di Natale, nella sala Messina, ha preso il via NataléGiarre, il programma di iniziative messo a punto dalla locale Confcommercio nei week end di dicembre  7-8, 13-14 e 20-21. «Ci siamo ripromessi che quest’anno sarebbe stato diverso – afferma la vice-presidente Piera Scuderi -. Grazie a tante persone che ci hanno sostenuto, abbiamo potuto realizzare un programma conciso ma frutto di tante fatiche del direttivo». «Ogni fine settimana – spiega il presidente Francesco Candido - si terranno spettacoli in strada con artisti di strada, gruppi itineranti su corso Italia, via Callipoli e viale Libertà; in corso Italia saranno rappresentanti due musical ed è stata allestita anche la casa di Babbo Natale. Tutti gli artisti si esibiscono gratis. Il 18 e 19 si terranno le selezioni del Christmas talent e il 2 e 3 gennaio la finale al Palagiarre».


Chiude anno con bilancio positivo la sezione giarrese dell'associazione nazionale bersaglieri

Pochi mesi di vita ma già tante attività. La sezione giarrese dell’Associazione nazionale bersaglieri, presieduta da Salvo Guardo, conclude l’anno con un bilancio più che positivo di iniziative: da incontri nelle scuole sulla legalità, alla partecipazione  a numerose manifestazioni, a partire dalla festa delle forze armate. Le attività hanno toccato il loro apice, nei giorni scorsi, con l’intitolazione al bersagliere d’Italia della gradinata che collega piazza Duomo con piazza De André, nel quartiere del camposanto vecchio. Un evento, quest’ultimo, che ha portato a Giarre la fanfara dei bersaglieri di Caltanissetta e altre sezioni dell’associazione: Palagonia, presieduta da Diego Costanzo; Catania, presieduta da Vincenzo Tedesco; Belpasso, presieduta da Pasquale Caruso; Zafferana, per cui era presente il vicepresidente Santo Scuderi, Barcellona Pozzo di Gotto, presieduta da Domenico Mirabile e la sezione provinciale, guidata dal capitano Salvo Tosto.


martedì 9 dicembre 2014

#Giarre, il Comune celebra la giornata in memoria dei caduti sul lavoro

L’amministrazione comunale anche quest’anno ha celebrato la giornata in memoria dei caduti sul posto di lavoro, istituita per volontà della IV commissione consiliare. Sei anni fa, l’allora amministrazione deliberò l’istituzione di questa giornata dedicata alle morti bianche il 6 dicembre, giorno in cui ricorre l’anniversario della tragedia dell’acciaieria Thyssen di Torino ove persero la vita 8 operai.
All’interno del parco Jungo è stato, negli scorsi anni, eretto un monumento dedicato ai caduti sul lavoro.
Ieri mattina, durante la breve cerimonia, il sindaco Roberto Bonaccorsi ha deposto una corona di alloro. Dopodichè, il primo cittadino ha auspicato che non sia più necessario dedicare una giornata ai caduti sul lavoro e che ogni lavoratore ogni mattina quando si reca a lavoro abbia la certezza di ritornare a casa.

Giunta comunale approva propedeutiche al bilancio di previsione 2015, forse per la prima volta così presto a Giarre

La giunta comunale ha approvato atti propedeutici al bilancio preventivo al 2015. Forse è la prima volta che una giunta comunale giarrese approva così presto questo tipo di atti. Il sindaco-commercialista Roberto Bonaccorsi spiega: «In un anno e mezzo abbiamo riportato alla normalità gli adempimenti previsti dal legislatore. In questo caso siamo forse anche in anticipo rispetto alla scadenza ordinaria. Ritengo che questo sia un esempio di buona amministrazione. L’approvazione dell’atto propedeutico significa che, entro tempi brevi, sarà predisposto anche il bilancio di previsione, affinchè sia un bilancio di previsione vero e proprio, documento autorizzatorio di tutti gli impegni, di tutte le spese, di tutte le entrate che si dovranno poi assecondare nel corso dell’esercizio 2015».

lunedì 8 dicembre 2014

Giarre, alberi in via callipoli decorati dai bambini degli asili

Foto di Lucia Privitera
m.g.l.) Confcommercio punta sui più piccoli per coinvolgere quante più persone nel Natale giarrese. Domani, lunedì, infatti, a partire dalle 9,30, 24 alberi di Natale saranno collocati su via Callipoli per essere “adottati” da altrettanti asili giarresi, tra pubblici e privati. Saranno proprio i bambini che addobberanno tutti gli alberi con addobbi realizzati da loro stessi durante le ore che trascorrono all’asilo.  
Ideatori dell’iniziativa sono stati Sebastiano Bonanno ed Nino Scuderi, membri del direttivo di Confcommercio che hanno curato gli aspetti tecnico-organizzativi insieme agli altri componenti.


Giarre, presentata associazione di volontariato che aiuta donne affette da entrometriosi


Presentata, nella sala Romeo, dinanzi ad un folto pubblico femminile, l'associazione RinacScendo durante un convegno dal titolo "Stop al silenzio parliamo di endometriosi - insieme contro il dolore". L’iniziativa è stata patrocinata dall’assessorato alla sanità, retto dalla dott.ssa Piera Bonaccorsi che ha spiegato: «L’endometriosi è una patologia dovuta alla dislocazione delle cellule dell’endometrio della mucosa uterina fuori dall’utero. Si formano delle cisti e ne consegue una patologia grave; il sintomo principale è il dolore. Come ginecologa, donna e assessore ho voluto aiutare questa associazione e farla nascere a Giarre ove c’è un’amministrazione molto sensibile alle problematiche femminili e soprattutto al dolore, sia fisico che psichico. In futuro pensiamo di creare qui un ambulatorio per aiutare le donne».

domenica 7 dicembre 2014

#Giarre, i concerti di beneficenza dei Madagascar's Angels

Come ogni dicembre, è ricco il calendario dei concerti di beneficienza che il coro  Madagascar’s Angels di Giarre, guidato dal direttore Michele Patanè, terrà in varie parrocchie della Diocesi, al fine di raccogliere fondi per sostenere l’adozione a distanza di bambini del Madagascar e diffondere un messaggio missionario. “Gli angeli del Madagascar” si esibiranno domenica 7 alle ore 18,30 nella chiesa Santa Maria del Rosario a Santa Venera di Mascali. Domenica 14, alle ore 19, nuovo concerto nella chiesa Maria Santissima del Carmelo di Riposto. Sabato 20, alle ore 19,30, il coro sarà al casale Papandrea di Fiumefreddo. Domenica 21, alle ore 18,30, nella chiesa S.Maria delle Grazie di Valverde. Domenica 28 dicembre, alle ore 19, nella chiesa Maria SS.Immacolata di Dagala del Re.


La raccolta differenziata dei rifiuti a #Giarre può aspettare

La raccolta differenziata dei rifiuti a Giarre può aspettare. E pensare che sul sito internet istituzionale del Comune è ancora pubblicato un comunicato, datato 7 ottobre 2014, ove si annuncia l’avvio su tutto il territorio del sistema “porta a porta”, per il 10 novembre. Oggi è il 6 dicembre e tutto fa pensare che ormai la raccolta differenziata partirà dopo le festività di Natale. L’avvio della raccolta differenziata è di certo un momento molto delicato e le false partenze non sono d’aiuto per ricostruire il difficile rapporto di fiducia Comune-cittadini.
Sulla questione abbiamo interpellato l’assessore all’ecologia Salvo Patanè che ci ha dichairato:«La fornitura dei novemila Kit di buste colorate e dei quindicimila pieghevoli, è disponibile e pronta da settimane.


sabato 6 dicembre 2014

La giornata internazionale delle persone disabili a #Giarre

 L’Unione italiana ciechi, con il patrocinio del Comune, ha celebrato la giornata internazionale della disabilità con una tavola rotonda sul tema “Viaggiare, scoprire, conoscere: un diritto di tutti”. All’incontro, moderato da Gianvito De Salvo, attraverso numerosi interventi sono state trattate le problematiche che vive la persona disabile. Numerosi i relatori: la prof. Mariangiola Garraffo, il prof. Giovanni Vecchio, don Giovanni Marino, il prof. Carmelo Torrisi, don Agostino Russo, gli assessori Antonino Raciti, Giovanni Finocchiaro e Salvo Patane, l’avv. Angelo D’Anna, la dott.ssa Mariagrazia Larcà, la dott.ssa Valeria Ferro e la volontaria Rosalba Pennisi.


venerdì 5 dicembre 2014

#Giarre, alloggi ex via Carducci di 31mq. Parla l'avv.Grazia Pulvirenti



#Giarre, botta e risposta tra consigliera comunale e assessora su cartellone manifestazioni estive

L’organizzazione del cartellone delle manifestazioni estive è stata al centro, nei giorni scorsi, di un’interrogazione del consigliere comunale del Pd Tania Spitaleri che nella sua attività ispettiva ha chiesto: «Perché si è scelto di affidare all’esterno i servizi inerenti il programma estivo “Giarre…sere d’estate 2014”, in violazione delle prescrizioni normative? Il servizio “Sport, Turismo e Spettacolo” del Comune è stato ritenuto inabile al ruolo? Quale valore aggiunto avrebbe portato l’affidamento all’esterno? Come si giustifica l’impegno di spesa di euro 24.512,00 (ovviamente, il privato non può che avere, com'è sacrosanto che sia, il proprio utile e non si riesce ad immaginare una quota, a carico di questa voce non inferiore almeno al 15%!) a fronte di un cartellone estivo scarno, indegnamente pubblicizzato (solo 150 manifesti affissi!) e poco partecipato? E pensare che la media di spesa degli ultimi sei anni non ha mai superato i 7000 euro».

Secondo la Spitaleri il servizio “Sport, Turismo e Spettacolo” del Comune è dotato di personale e competenze atte ad occuparsi dell’organizzazione di un cartellone estivo.






giovedì 4 dicembre 2014

Un primato positivo del Comune di #Giarre: i servizi sociali

Il palazzo delle culture, sede dei servizi sociali
I servizi sociali del distretto socio-sanitario n°17 di Giarre si confermano tra i più organizzati della Sicilia. E' stato, infatti, approvato, qualche giorno fa, dalla Regione siciliana il piano di zona dei servizi sociali, programmato dai dieci comuni del distretto n°17. E’ il primo ad essere approvato nella provincia di Catania. Non solo. In tutta l'isola, su 55 piani di zona presentati alla Regione da altrettanti distretti socio-sanitari, solo cinque sono stati approvati subito.
Entrando nel merito di quanto programmato, il piano, tra l'altro, prevede il mantenimento di importanti servizi tra cui l'educativa domiciliare dei minori e il centro diurno per disabili psichici, che prima era allocato nei locali del Dipartimento di salute mentale di Giarre, siti sulla nazionale, nei pressi dell’albergo Sicilia, e ora, invece, si trova allocato nei locali dell’ex ospedale di via Don Minzoni.
«Sono stati confermati tutti i servizi già forniti – afferma l’assessore alle politiche sociali del Comune di Giarre, Giovanni Finocchiaro -. Tra questi vi è l’assistenza domiciliare per disabili e l’inserimento lavorativo dei soggetti deboli. Non è stata, invece, confermata nell’ambito del piano di zona,  l’assistenza domiciliare agli anziani. Ma questo perché questa assistenza adesso viene  assicurata, per gli anziani di tutto il distretto, attraverso i Piani di azione e coesione (Pac).


Un'area mercatale nel cuore della zona artigiana di #Giarre

Inaugurato, domenica, nella zona artigiana di Trepunti, un fabbricato ristrutturato e adibito ad area mercatale grazie a finanziamento dal GAL “Terre dell’Etna e dell’Alcantara”. «Quest’area – spiega il sindaco Roberto Bonaccorsi – è a disposizione della zona artigianale e potrà essere utilizzata per convegni, esposizioni, degustazioni… Mi auguro si attiverà affinchè gli artigiani possano incontrare qui i loro fornitori, o clienti stranieri». Apprezzamenti anche dal sottosegretario alle Politiche agricole Giuseppe Castiglione e dal sen.Giuseppe Pagano, presenti all’inaugurazione: «La posizione di quest’area, vicino all’uscita dell’autostrada, è favorevole – ha detto Pagano – e sarà utile in prospettiva per lo sviluppo della città». «Mi pare una bella intuizione – ha aggiunto Castiglione - arricchisce l’area artigiana e la dota di servizi strutturali a disposizione delle imprese».

mercoledì 3 dicembre 2014

#Giarre, sindaci e artigiani fanno fronte comune contro la crisi

Riunire i sindaci per predisporre un documento da presentare al governatore della Regione siciliana al fine di creare un tavolo tecnico tra artigiani, comuni e Regione per approntare un programma di sviluppo e rilancio dell’artigianato. E’quanto intende fare l’Unione liberi artigiani di Giarre che, domenica mattina, nella sala Messina ha coinvolto in un incontro una ventina di sindaci, o loro rappresentanti, per esporre i problemi del settore.
L’incontro è stato aperto dagli sconfortanti dati economici esposti da Concetto Sgroi. Sono seguiti numerosi interventi che hanno evidenziato le difficoltà che stanno attraversando, su diversi fronti, gli artigiani - che devono fare i conti con la crisi, le tasse, la mancanza di credito dalle banche - e i comuni, qualcuno già in dissesto, tutti comunque costretti ad aumentare le tasse per far quadrare i conti a seguito della riduzione dei trasferimenti statali. Da qui è stato breve il passo che ha portato sindaci e artigiani a fare fronte comune. Tra gli interventi anche quello molto intenso della moglie di un artigiano che ha raccontato le difficoltà quotidiane degli artigiani che spesso non riescono a pagare sia le tasse che i fornitori, o non riescono più a ottenere credito dalle banche.


Comune di #Giarre, bloccate le telefonate in uscita

“Pronto chi parla?”. Di certo nessuno che telefona dal Comune di Giarre visto che, da un mese circa, dai telefoni dell’Ente non si può telefonare, ma solo ricevere telefonate. Le chiamate in uscita sono state bloccate dalla Telecom, a seguito del mancato pagamento di alcune bollette. La situazione è più complessa di quello che potrebbe sembrare e non dipende dalla mancanza di soldi ma da un’attività del sindaco Bonaccorsi di monitoraggio e riordino dei servizi
che il Comune paga alla Telecom. «Non si può pagare senza capire cosa si sta pagando – spiega il primo cittadino -. Le spese telefoniche sono state una delle prime voci che ho attenzionato. Questo Comune spendeva una cifra enorme di spese telefoniche e non capivo il perché. Esaminando le bollette ci siamo accorti che dentro c’è una quota relativa al leasing per il telecontrollo, voluto dalla precedente amministrazione e finanziato dalla Telecom. Circa 100mila euro a bimestre. A questi si aggiungono altri 70mila euro a bimestre per altri servizi. Ho cercato quindi di scindere il canone, le spese telefoniche da tutto il resto. Ma non è possibile: da sei-sette mesi sono stati bloccati i pagamenti e la Telecom ha interrotto le telefonate in uscita. Ci siamo rivolti al Comitato regionale per le comunicazioni che la scorsa settimana ha convocato noi e i dirigenti Telecom di Napoli. Abbiamo concordato che pagheremo l’arretrato solo dei canoni, che Telecom ha scorporato, e andiamo verso una conciliazione per tutto il resto.


martedì 2 dicembre 2014

Giarre, si parla di Urban Center

 Un luogo di confronto tra la società civile e i tecnici per realizzare progetti partecipati di sviluppo del territorio da proporre a chi amministra un territorio. E’questa l’idea dell’Urban center, iniziativa già presente in altre città, e che è stata promossa a Giarre, nella sala Messina, durante un affollato incontro del movimento politico “Città viva”. «L’Urban center è uno strumento della società civile e non della politica – spiega Salvo Liotta di Città Viva – molti tecnici hanno portato la loro esperienza durante l’incontro. Abbiamo rilevato la disponibilità di membri della società civile, di tecnici e dell’amministrazione per intraprendere un percorso di realizzazione dell’urban center. Angelo D’anna, che insieme all’arch. Catanzaro ha fortemente voluto questa iniziativa, ha dato la disponibilità della sede di Città viva per ospitare l’Urban center, in attesa che l’amministrazione trovi un’altra sede».




Maria Gabriella Leonardi

Pubblicato sul quotidiano La Sicilia il 30 novembre 2014

lunedì 1 dicembre 2014

Consiglio comunale di #Giarre approva assestamenti di bilancio. Insoddisfazioni nella maggioranza

Il Consiglio comunale giovedì sera ha approvato alcune operazioni di assestamento del bilancio dell’esercizio finanziario 2014, un atto che - come ha sottolineato durante la seduta il sindaco Roberto Bonaccorsi - il Consiglio non approvava più da anni, visto che non erano più state rispettate le scadenze canoniche per l'approvazione del bilancio di previsione.
Sei gli emendamenti presentati, per lo più di natura tecnica. La seduta ha dato occasione di distinguersi  e manifestare una certa irrequietezza al gruppo “Proposta popolare”, che fa parte della maggioranza e che è formato dai consiglieri Orazio Scuderi e Vittorio Valenti. “Proposta popolare” ha presentato due emendamenti: uno per la realizzazione dell'impianto di illuminazione in via Damasco (un cavallo di battaglia del consigliere Scuderi) e un altro per la sistemazione del manto stradale di diverse arterie cittadine come viale Libertà e via Ungaretti. Entrambi gli emendamenti non sono passati perchè gli altri consiglieri di maggioranza si sono astenuti al momento del voto.
Di converso, il gruppo Proposta popolare si è astenuto al momento del voto degli altri emendamenti. Il tutto palesa insoddisfazioni e spaccature in seno alla maggioranza.


#Giarre, giunta comunale istituisce ufficio energia

La giunta comunale di Giarre, con la delibera n°124/2014, ha istituito in seno all’Ente l’ufficio energia, strumento necessario per la predisposizione del  Piano d’azione per l’energia sostenibile (Paes)  che si prefigge di ridurre di oltre il 20% le proprie emissioni di gas serra, attraverso politiche locali che migliorino l’efficienza energetica.
«Si tratta di un passaggio indispensabile – spiega l’assessore alle politiche energetiche Salvo Patanè -. Dopo avere aderito al Patto dei sindaci, il Comune di Giarre, attraverso una selezione pubblica, ha individuato il soggetto che realizzerà il Paes. La procedura richiede anche uno strumento interno all’organizzazione burocratica dell’Ente che è l’Ufficio energia, una sorta di braccio operativo per monitorare tutto ciò che sta attorno all’energia, alla dispersione di calore, alla produzione di energia elettrica attraverso fonti alternative».


Centro diurno #Giarre. Tramite sito sarà comunicata nuova data seduta della Commissione

m.g.l.) Sarà comunicata attraverso il sito internet del Comune di Giarre la nuova data in cui si terrà la prima seduta pubblica della commissione che aprirà le offerte pervenute per la gara di appalto dei lavori di completamento del centro diurno di assistenza e di incontro per gli anziani. Come spiega, infatti, il dirigente dell’area “Lavori pubblici” del Comune di Giarre, Pina Leonardi: «La data della prima seduta pubblica era stata fissata per venerdì 27 novembre.