domenica 20 gennaio 2013

Affidare a privati la gestione di un chiosco all'interno del parco Chico Mendez


Realizzare un chiosco all’interno del parco Chico Mendez da affidare a un privato che si occuperà anche di aprire il parco e curarne la manutenzione. E’ la proposta della IV commissione consiliare permanente, presieduta da Angelo Spina, che, dopo aver seguito l’iter per l’affidamento a privati della tensostruttura di via Almirante, adesso ci riprova con il parco “Chico Mendez”.
Su questa questione ieri era prevista una seduta della commissione che, però, è stata rinviata alla settimana prossima.
Il parco Chico Mendez versa in stato di abbandono ed è sempre chiuso. Già nel giugno del 2011 si parlava  di realizzare all’interno del parco uno spazio ludico e di trasformare il locale adibito ad alloggio del custode del parco, in un chiosco. Un progetto su cui anche il sindaco si era impegnato. Furono pure previste delle somme in bilancio per la realizzazione dell’area ludica ma l’iniziativa non andò avanti. In una seduta di un paio di mesi fa, però, il Consiglio comunale ha individuato i siti dove potranno nascere dei nuovi chioschi, e tra questi figura anche il parco “Chico Mendez”. «Non vogliamo pensare, come si faceva una volta – afferma Angelo Spina – prima al reperimento dei fondi per realizzare l’area ludica e poi alla gestione del parco: sarebbe inutile realizzare uno spazio giochi se poi il parco resta sempre chiuso. Vogliamo, invece, prima pensare alla gestione del parco: la casa del custode, all’ingresso del parco, dovrà essere trasformata in chiosco e chi lo gestirà dovrà anche avere l’onere di aprire e chiudere il parco, provvederne alla pulizia e alla cura del verde. Il tutto dovrà essere a costo zero per l’amministrazione. La settimana prossima la IV commissione incontrerà il dirigente comunale dell’area IV "gestione urbanistica, territorio ed ambiente", Venerando Russo, per definire il bando per l’affidamento del chiosco». L’operazione potrebbe essere realizzata entro la primavera. A incoraggiare i consiglieri su questa strada vi è il riuscito affidamento a un privato della tensostruttura che, se fosse rimasta nella gestione del Comune, sarebbe con ogni probabilità diventata l’ennesima incompiuta.  Spina ribadisce la volontà di realizzare un’area ludica all’interno del parco Chico Mendez: «Sarebbe l’unico parco giochi per bambini della città» ricorda. Giarre, infatti, non offre servizi per i più piccoli, non solo non c’è più da anni un asilo nido comunale ma non c’è neanche un parco giochi dove i genitori, quando fa bel tempo, possono portare i loro bambini. Per trovare un parco giochi pubblico e fruibile dove accompagnare i propri figli bisogna recarsi almeno alla villa Pantano di Riposto. «All’interno del parco Chico Mendez – aggiunge il presidente Spina – vorremmo realizzare anche un percorso benessere per rivitalizzare quest’area anche da un punto di vista ambientale: nei vari sopralluoghi abbiamo constatato che l’area si presta».
Maria Gabriella Leonardi
9 gennaio 2013
Posta un commento