martedì 19 febbraio 2008

Facciamo la differenza...



L'emergenza rifiuti campana dovrebbe averci persuaso: bisogna cambiare abitudini e differenziare la spazzatura. Sensibilizziamo i vicini, i parenti e gli amici.
MGL

venerdì 15 febbraio 2008

Riaprono le due biblioteche a Macchia e a S. Giovanni



«I libri sono l'alimento della giovinezza e la gioia della vecchiaia». Di quanto sia vera questa massima di Cicerone ne sanno qualcosa i lettori e le lettrici di Macchia e S. Giovanni Montebello, a cui per un paio di mesi è mancata l'apertura settimanale delle due biblioteche comunali periferiche. Da questa settimana, però, nelle due più popolose frazioni giarresi è ritornata la consueta apertura settimanale delle due biblioteche: quella di Macchia, nella delegazione comunale in via Principessa Jolanda, è aperta il lunedì dalle 15,30 alle 18,30. Dispone di poco meno di 3000 libri e buona parte dell'utenza sono signore che prendono in prestito romanzi. L'altra biblioteca periferica si trova nella delegazione comunale di San Giovanni Montebello, in via Filippo Meda n.14; è aperta il giovedì, dalle 15,30 alle 18,30; dispone di poco più di 3.000 libri, e in particolare di libri per bambini.
L'utenza delle due biblioteche periferiche è diversa da quella della biblioteca centrale "Domenico Cucinotta"; quest'ultima è frequentata per consultazioni più approfondite ed è l'unica dove si trovano le gazzette ufficiali dei concorsi. Una curiosità: anche se manca una targa che lo ricordi, la sala lettura della biblioteca centrale è intitolata al filosofo giarrese "Michele Federico Sciacca" di cui quest'anno ricorre il centenario della nascita. La sua opera omnia è conservata tra gli scaffali della sala.
Maria Gabriella Leonardi
(Pubblicato su LA SICILIA del 13 febbraio 2008)

mercoledì 6 febbraio 2008

Condono tributario: bilancio positivo

Malgrado il generale periodo di crisi economi-
ca, il condono attuato dal Comune di Giarre ha
avuto esito positivo: «Le previsioni che aveva-
mo fatto non sono andate deluse», ha confer-
mato l’assessore al bilancio, avv. Francesco Va-
sta. Numerosi cittadini, infatti, hanno regola-
rizzato la loro posizione relativamente alle di-
chiarazioni o ai versamenti obbligatori e non
adempiuti o adempiuti irregolarmente. Per i
ritardatari era stata anche concessa una proro-
ga. Il condono era applicato per le irregolarità
commesse, sino al 31 dicembre 2006, in meri-
to a Ici; imposta comunale sulla pubblicità;
imposta comunale per l’esercizio di imprese,
arti e professioni; il diritto sulle pubbliche ed
affissioni; la tassa per l’occupazione di spazi ed
aree pubbliche (Tosap) e la tassa per lo smalti-
menti dei rifiuti solidi urbani (Tarsu). A chi si
metteva in regola non sarebbero state irroga-
te sanzioni e interessi. Per le somme dovute
superiori ai 400 euro, prevista la possibilità di
rateizzare.
Riguardo al diritto sulle pubbliche affissioni
(che riguarda anche chi monta i famosi cartel-
loni abusivi) sono state presentate 7 domande,
sono già stati incassati 3.400 euro e in totale se
ne incasseranno 9.465. Per la Tosap sono sta-
te presentate 92 pratiche. Per la Tarsu sono sta-
te presentate 238 domande, sono stati già in-
cassati 123.000 euro e in totale ne saranno in-
cassati 276.000. L’esito del condono per l’Ici è
ancora in corso di accertamento. L’Ici è una tas-
sa importantissima per i Comuni perché serve
per coprire buona parte del costo di gestione
dell’ente, tra cui gli stipendi.
MARIA GABRIELLA LEONARDI

(pubblicato su LA SICILIA dell'1 febbraio 2008)